mercoledì 9 marzo 2011

Matteo Poggi, 21 anni, celibe. Molto piacere!

Matteo: GREAT! Concluse le presentazioni, direi che possiamo finalmente dichiarare aperto questo blog! 
Gentile pubblico: Bravo! Bravissimo! Sei un cavallo! (fischi, applausi, donne bellissime che mi si gettano addosso --> NdA: Ma mai nella vita!)
Omino tra il pubblico con accento inglese: Mi scusi Sir, adesso non dovrebbe illustrarci il programma, le potenzialità e le funzionalità di questo blog? 
Matteo: Ehm.. Ehehe. Giusto! Giusto! Dunque, direi che.. Bè, come prima cosa penso sia necessario spiegare il perché sia nato questo sito!
Gentile pubblico: ZZZ zzz ZZZ zzz (amabilmente dormendo ancora prima che dicessi la parola “spiegare”).
Matteo: Ehi! Ehi! Teste di c%&$o! Svegliatevi! AAAAAAAAAAAARGH (lunga sequenza di cazzotti e parolacce). Bene. Come stavo dicendo questo blog è nato per un desiderio, il forte desiderio di rendere partecipi ed offrire news a neofiti ed esperti, sul grandioso mondo dei manga e della cultura giapponese. Come molti di voi sanno i manga sono quei libretti di 20 X 25 cm ca. che vedete spesso in mano a NERD occhialuti e OTAKU all’ennesima potenza, contenenti storie a fumetti di una demenzialità straripante. Questo è vero, ma solo in parte! Quello che alcuni di voi non sanno forse è che in Giappone i manga non sono semplici fumetti, ma fanno davvero parte della letteratura e sono considerati al pari di tutte le altre opere letterarie (si, so che avreste volentieri neutronizzato i canti del Paradiso di Dante affermando la sola esistenza degli Shinigami XD).
Molti di voi ora si staranno chiedendo: “Che me ne frega maledetto idiota?”. Può non interessarvi, ma credo che la lettura al giorno d’oggi sia una pratica in forte decadenza a favore di attività molto più “immediate” come film e videogiochi, che permettono un approccio decisamente più diretto. Perché scegliere i manga allora? Perché i manga si trovano esattamente a ponte. Io sono un forte sostenitore della letteratura classica, e nondimeno, sono certamente un appassionato di cinema: forse è proprio per questo che apprezzo così tanto i manga. Il tratto, la velocità, la perfezione del disegno sono unite ad una trama solida, brillante, sorprendente, che ti fa trattenere il fiato ad ogni pagina. Come per un libro, ti cimenti in un mondo nuovo, apri la mente ad idee che non avevi mai considerato, sogni e ti migliori. Come per un film, rimani incollato alle immagini che si susseguono, ne osservi ogni minimo tratto quasi potessi percepire le sensazioni dell’autore in quel momento, ed ogni immagine è esattamente come l’avevi pensata, o forse, proprio l’esatto opposto, ma tutto ciò ti attira e, in cuor tuo, desideri confrontarti col personaggio che vedi. Un manga, come un film o un libro, è l’espressione del pensiero di qualcuno che ha avuto il coraggio di realizzare un’idea per altri folle: e non c’è niente di più stimolante, per il cervello, di un’idea tanto geniale quanto quasi irrealizzabile .
Non leggiamo manga per fuggire dalla realtà, leggiamo manga per poterla affrontare come nessuno ha fatto prima.

9 commenti:

  1. Sono curioso.Quali fumetti ti piacciono di più?

    RispondiElimina
  2. Matteeeeeeeeee post stupendo!!! *__* Complimenti!! Non vedo l'ora di iniziare!! Così mi farò una cultura anche io!! ;D
    PS: W death note! *_*

    RispondiElimina
  3. Death note è proprio bello si...uno dei miei preferiti!

    RispondiElimina
  4. poggi ti stupirai di ciò che sto per dirti!!..hai fatto una presentazione troppo carina!!veramente in stile manga!!comunque sono sicura che non hai mai letto il mio manga preferito!!

    RispondiElimina
  5. Ma, alla luce del post iniziale, M.D. sta per mental disease?

    RispondiElimina
  6. @SSSGiacomo: Ce ne sono tantissimi, Death Note è uno di questi! Comunque a breve farò una discussion al riguardo, quindi continua a seguirci!
    @Ele: Grazie mille!! Ti istruirò sui fumetti, w Death Note!
    @Giulia: Grazie mille! Io conosco moltissimi manga, dimmi come si chiama! Magari è anche uno dei miei preferiti! ahahahahah
    @Anonimo: Esattamente! Sta proprio per quello!

    RispondiElimina
  7. visto che osi paragonarti al grande onizuka, mi auguro che tu abbia letto anche shonan junai gumi, che personalmente ho trovato ancora meglio di GTO (anche se i disegni lasciano un po' a desiderare..)
    lo sapevi che l'autore sta pubblicando una nuova serie sempre legata a GTO dove racconta cosa ha fatto Onizuka nella settimana che mancò da scuola (in GTO) ?

    RispondiElimina
  8. @Noctua: Ehi! Conosco benissimo tutta la serie, sfortunatamente i manga ho iniziato a comprarli soltanto ora. Effettivamente Shonan Junai Gumi è piuttosto grezzo nei disegni e notiamo un Tohru Fujisawa ancora "giovane", però le storie sono entusiasmanti come in GTO. Per quanto riguarda il nuovo GTO lo sto leggendo proprio ora, si chiama GTO Shonan 14 Days, e devo dire che non è niente male!

    RispondiElimina
  9. il nuovo Gto devo ancora iniziarlo, attendo che il mio ragazzo li abbia comprati tutti per rubarglielo e leggerlo :)

    RispondiElimina